.
Annunci online

inpartibusinfidelium
ERESIE CONGETTURE DUBBI MEMORIE dalla parte degli infedeli

"IN PARTIBUS INFIDELIUM"

dedicato a Leonardo Sciascia

"a futura memoria, se la memoria ha un futuro"

!!DISCLAIMER!!: codesto weblog non rappresenta una testata giornalistica o prodotto similare, giacchè viene aggiornato senza alcuna periodicità. In tal guisa, codesto weblog non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n°62 del 7.03.2001. Le immagini talvolta inserite in codesto weblog sono tratte in massima parte dalla rete di Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, comunicatelo postando nel blog: saranno rimosse a strettissimo giro. 

I contenuti inediti di questo blogsono pubblicati sotto una
Licenza Creative Commons.
Se riprodotti altrove, la loro paternità va attribuita
specificando il nome dell’autore e il titolo di questo blog,
e inserendo un link all’originale o citandone l’indirizzo.
I commenti e ogni altro contenuto inedito qui ospitato
sono di proprietà dell'autore.

Avvertenza ai navigatori: elimino i commenti anonimi, quelli non pertinenti ma non quelli impertinenti, quelli oziosi, quelli stupidamente provocatori, quelli fasulli, insomma in my blog faccio quello che mi più mi garba.

IL GESTORE DI CODESTO WEBLOG NON E' RESPONSABILE DEL CONTENUTO DEI COMMENTI POSTATI. IN OGNI CASO, LADDOVE ESSI CONTENGANO ESPRESSIONI DIFFAMATORIE, SCURRILI E INCIVILI, SARANNO RIMOSSI.











 

 

2 marzo 2009
E' tutto un fiorire di: ma che male vi fo?

JimMomo, l'ottimo blog di Federico Punzi, già compagno di avventure in LIBMAGAZINE, non è il solo nel sostenere - si veda l'ultima dialettica con Polito e la sua citazione di Sir Darherdorf - che Noi che vogliamo morire, quando ci siano o ci saremo scassati i cabbasisi di terapie mediche et similia, in fondo che male che facciamo agli altri?
Chi danneggiamo?
E' vero.
A rigor di logica a chi fate del male?
Tuttavia, ci permettiamo di osservare: e chi te lo impedisce, se la tua volontà è stata espressa in modo chiaro, univoco, autentico e reiterato nel tempo? Cavoli tuoi se poi hai cambiato idea e non puoi manifestarlo: ma non ti crucciare ci sarà sempre un tutore, con il curatore speciale, a fare le tue veci, a decidere per te, con tanto di Decreto dell'Autorità Giudiziaria.

Ah no!
Cribbio ecco l'obiezione superliberale: lo Stato, cioè la Legge, mi deve autorizzare.
Voglio il timbro.
E lo voglio pure sul tavuto (la bara).
Insomma non si capisce: se rivendico un diritto individuale, perchè la collettività si deve interessare di me e autorizzarmi?
Cazzi miei?
Cazzi tuoi!
Hanno detto: il Sig. E ha rifiutato una prassi clandestina.
Oh diamine, è clandestino ciò che faccio a casa mia?
E' clandestino che un mio caro, giunto al termine della sua vita, mi chieda con il conforto del medico, di porre fine alle sue sofferenze?
Ho il dovere di dirlo ai giornali? Ai Radicali? A Marco Cappato?
Di andare da Fabio Fazio e la Dandini?
Di rivolgermi alla Magistratura?

Clandestino.
Clandestino.
Eppure sono gli stessi, più o meno, che hanno fatto un gran casino contro l'emendamento leghista che consente ai medici di segnalare i clandestini.
Ah i migranti non sono clandestini, tutt'al piùirregolari.
Bene, forse è irregolare quella famiglia che prende certe estreme decisioni, dicendo altolà burocrate: qui è casa mia.
Proprietà privata.
Vita mia.
Principio aureo del liberalismo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. burocrazia liberale

permalink | inviato da inpartibusinfidelium il 2/3/2009 alle 22:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte