.
Annunci online

inpartibusinfidelium
ERESIE CONGETTURE DUBBI MEMORIE dalla parte degli infedeli

"IN PARTIBUS INFIDELIUM"

dedicato a Leonardo Sciascia

"a futura memoria, se la memoria ha un futuro"

!!DISCLAIMER!!: codesto weblog non rappresenta una testata giornalistica o prodotto similare, giacchè viene aggiornato senza alcuna periodicità. In tal guisa, codesto weblog non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n°62 del 7.03.2001. Le immagini talvolta inserite in codesto weblog sono tratte in massima parte dalla rete di Internet. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, comunicatelo postando nel blog: saranno rimosse a strettissimo giro. 

I contenuti inediti di questo blogsono pubblicati sotto una
Licenza Creative Commons.
Se riprodotti altrove, la loro paternità va attribuita
specificando il nome dell’autore e il titolo di questo blog,
e inserendo un link all’originale o citandone l’indirizzo.
I commenti e ogni altro contenuto inedito qui ospitato
sono di proprietà dell'autore.

Avvertenza ai navigatori: elimino i commenti anonimi, quelli non pertinenti ma non quelli impertinenti, quelli oziosi, quelli stupidamente provocatori, quelli fasulli, insomma in my blog faccio quello che mi più mi garba.

IL GESTORE DI CODESTO WEBLOG NON E' RESPONSABILE DEL CONTENUTO DEI COMMENTI POSTATI. IN OGNI CASO, LADDOVE ESSI CONTENGANO ESPRESSIONI DIFFAMATORIE, SCURRILI E INCIVILI, SARANNO RIMOSSI.











 

 

3 febbraio 2004
REC. RIF.
RECENSIRE IL RIFORMISTA
Nel numero di sabato 31 gennaio, sul quotidiano biancoarancio di Via della Scrofa, si legge una interessante intervista a Mario Pirani, columnist di punta di Repubblica, il quale nel salutare favorevolmente la nascita (o gestazione?) di un partito/lista riformista, assume che l'antiberlusconismo può essere un ottimo collante per le forze dell'Ulivo, ancorchè queste siano divise su molti fronti. Sfuggono però a Pirani più circostanze, e cioè che, a guardar bene, neanche l'antiberlusconismo è un valido collante per l'Ulivo, poiché ci sono modi diversi per essere contro il Cav. e soprattutto modi diversi su come affrontare il fenomeno del berlusconismo, come peraltro rilevava lucidamente Alberto Abruzzese su NEW POLITICS del 2 febbraio. Che l'opposizione sia naturaliter contro il Governo è fatto ovvio, meno ovvio è come svolgere la lotta politica e se è vero che mezzi e fini devono trovare una loro coerenza, va da sé che certi toni antiberluscoidi, come quelli dei Girotondi, di Di Pietro e altri, rivelano una lettura del fenomeno molto miope, per usare un eufemismo, proponendo approcci meramente moralistici sebbene sapientemente ammantati di dotti ragionamenti politici, molto micro e molto megalomani. Quando tutta l'opposizione e l'Ulivo avranno rispetto per quei milioni di cittadini che votano per Forza Italia e la CdL, allora forse si aprirà una nuova pagina della prossima storia politica del nostro scombinato paese, pagina sulla quale va scritta senza esitazione la parola alternanza, legittima e rispettosa del voto popolare.



permalink | inviato da il 3/2/2004 alle 17:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte